Taracina

di Gigi Nofi

T’è fatte da bammàna la natura,

sop’a nu líette piene de viole;

t’è miss’antorne laghe, mare e sole

e do muntagne vasce de statura.

‘Ssu mare, semp’azzurre e freccecàte,

te stregne antorne com’a ‘na cherona

e notte e giorne canta ‘na canzona

più doce de nu core annammurate.

Si bella e ricca come a ‘na reggina

e tie’ ‘na vesta tutta pentacchiàta

de vaghe d’ore, d’uva prelebata,

che se sdelonga ‘fina a,

la marina.

Quante pettore t’ènne retrattate,

cu j’arche e le casette vecchie, antiche;

e ca puète te s’è fatte amiche

e più de cacche vota t’è cantate!…

Si nata pe da’ fueche a le cervella,

co tutte ‘sse bellezze annaturale

e ‘gnune che te guarda sa ch’avvale…

ch’avvale nu tesore!… Che si bella!…

Clicca sul link qui sotto e iscriviti al canale YouTube,

sarai sempre aggiornato sull’uscita dei nuovi video:

Terracina, i terracinesi e il dialetto terracinese

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!!!