“La puisìa” di Gianni Feliciani

La puisìa di Gianni Feliciani   Me so’ “nsunnàte Gigge[1], ju majéste, che me guardava fisse dent’a j’uecchie e suredènne me decéva: “Ohi Gianne! Che te si misse an cape, mó vo’ scrive le puisìe cu la léngua nosta? So’ scritte già tutt’j, ciabbàsta e avvanza. Chest’arta ‘ccà è desfìcela, le sai!”   Ce desse:…
Leggi tutto