Terracina (LT) - 04019
info@mimmoderosa.it

Le parole scomparse: lettera A

“Fai come se tutto dipendesse da te, sapendo che tutto dipende da Dio”

Le parole scomparse: lettera A

Le parole scomparse: lettera A

Dizionario terracinese… delle parole scomparse

lettera A

 

AcciavujàtëSgualcito, detto di panni, carta, stoffa in generale; es.: “daccë na stërata a ssa gònna, è tutta acciavuijata

 

AbbacëllìtëTonto/a, rintontito/a; oppure: rimbecillito, sbalordito per la sorpresa – da abbacinato; es.: “oggë më sèntë tuttë abbacellìtë

 

Accampëcàrzë/Accampëchìttëappisolarsi, fare un sonnellino – quello che si faceva di solito quando si andava nei campi per far trascorrere le ore più calde della giornata, poi è passato ad indicare il pisolino pomeridiano. Es.: “Më voijë accampëcà në pò!”. Cfr. cannatiéjë

 

Affucià/AffuciàrzëRimboccare/rimboccarsi (le maniche o i pantaloni); anche traslato come il rimboccarsi le maniche: darsi da fare; “affòciacë në po i cazzùnë a su mammòccë, chè ssò llunghë è ssë në cadë

 

AmmatantìtëDolorante, indolenzito, come chi ha preso tante botte; es.: “më sa che ttenghë në po dë febbrë, më sentë tuttë ammatantitë

 

(A)ncannacchiàrzë/AncannacchiatëAdornarsi con oggetti d’oro e/o monili. Es.: “Lë taracënèsë quandë s’ancannachiàvënë parèvënë madònnë

 

(A)ntësëchìrzë/(A)ntësëchìtëSentirsi gelato, infreddolito – oppure: Intirizzito (da secco). “Che giornë a giornë të s’antësëchìscë” (da G. Nofi pag. 57): che giorno per giorno ti si gela.

 

(A)nzulëfà/(A)nzulëfàtaDare lo zolfo alle viti – oppure: suscitare discordia, incitare una persona contro un’altra, da cui a-nzulëfàta: cosa detta di nascosto per mettere su una persona; es.: “la vigna la tiè nzulëfà, sënnò cë viè la pèsta” – “si itë a nzëlufà”: sei andato a mettere discordia.

 

AppiènnëlëAppesi, di cose appese. Si usa principalmente per indicare le corone di pomodori appesi che vengono fissati ad un filo di ferro ed appesi all’ombra. Es.: “Ij’appiènnëlë dë pëmpëtòrë

 

(A)rësëchìtëCorto/a, stretto/a, striminzito/a, rinsecchito/a. Es.: “ssë cazzùnë të stànnë në po rësëchìtë”.

 

AssëccatìccëAssetato, che prosciuga, ma anche menagramo.

 

A ccëlàtrë – A nascondersi – Nascondino (gioco per ragazzi) – forse da connettere celare latino e italiano. Es: “Vulemë pazzià a cëlatrë?

 

AgnuranzëtàIgnoranza, ma ha più il significato di stupidità. Es.: “La gnuranzëtà nën të cë fa addëvèncë

 

AmpampanìtëConfuso/a, frastornato/a. Es.: “Nën dicète certë cosë, mi fànne ampampanìre” (da “Mamma che Babbelogna” di Mimmo De Rosa)

 

Anzaccamùrlë – Insaccare more. Pezzo di canna tagliata sotto i nodi entro la quale, con una canna di minor spessore, si insaccavano le more e se ne leccava il succo. Per analogia, si usa per indicare un luogo pieno di persone e di cose. Es.: Entrando all’ufficio postale il giorno della pensione “E nì che anzaccamùrlë accà dèntë…

 

Anfraccanàtë/AnfraccanàTutto preso da un determinato compito, tutto preso dal compito di assolvere un importante incarico.

 

Annùtëchë/AnnutëcàNodo/Annodare. Es.: “Ij’annutëchë a lë scàrpë ancòrë nën t’ì saijë fa?” oppure: “Së scarpë ancòrë nën të lë sì annutëcàtë!

 

AnfracazzìrzëInvaghirsi, essere irresistibilmente attratto. È lo stato di chi si è invaghito di una ragazza o di un ragazzo nonostante l’opposizione della famiglia; stato in cui il soggetto, secondo l’opinione dei familiari, crede di essere innamorato, ma che, invece, è soltanto una sbandata che passerà.

 

AntrasàttaInaspettata/o, inaspettatamente. Prendere o essere preso alla sprovvista. Es.: “Cummà, all’antrasatta të në si mënuta!

 

AntrattaijùsëBalbuziente (colui che “Zagaija”). Es.: “Ma che lu vuinë të fa zagaijà?”, oppure: “Da quandë vaijë a la “chiezzia” si addëvëntatë antrattaijusë!”, la “chiezzia” è la cantina oltre che un luogo di culto.

 

AntratàntëIntanto, nel frattempo. Es.: “Antratàntë ca stemë a spëtta che rëncasa la cummàra…

 

AppëlàccëTappo, turacciolo. Es.: “Lèvë ij’appëlaccë a ssa buttija!”, oppure, a mo’ di insulto: “…a chella damëgiana senza appëlaccë dë zijta!

 

ApprusummuàAzzardare, presumere di fare qualcosa che è stato proibito.

 

ArtètëcaOrticaria, da ortica. Che dà il prurito come l’ortica, irrequietezza. Es.: “Oi ‘Ngëlì, che chiè l’artetëca, nën të staijë në po cionchë sopë a ssa seggia!

 

AruzzënìtëArrugginito.

 

AncazzurellìtëFuligginoso. Da cazzarola (casseruola). Si cucinava con fuoco a legna e di conseguenza le casseruole all’esterno avevano qualche millimetro di fuliggine, si toccavano le casseruole e ci si sporcava di fuliggine.

 

AntrèsëcaFessura

 

ArrassësìaNon sia mai. Es.: “Arrassësia!!! Se morë chijë tiè a vëdè che succèdë!

 

AbbudënàAvvolgere, arrotolare. Es.: “Cummà… che te si missa a bbudenà la lana?

 

Arufìtë – con la pelle screpolata, secca, rovinata; es.: “ni che mmanë arufitë, ma che ssi fattë?”, oppure: “stu viecchijë arufìtë.

 

AddëcrijarzëRinfrancarsi, ricrearsi, provare profonda soddisfazione. Es.: “cu chella magnata dë chij ggiornë më sò pròpëta addëcrijatë!”.

 

Liberamente tratti da:

G. Cittarelli, Dizionario Terracinese, CIGE

N. P. De Cara, Saggio di un vocabolario del dialetto terracinese, Comune di Terracina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *