La Cattedrale di Terracina

La vìseta

di Gianni Feliciani

 

‘Na segnora cu ‘na criatùra[1] ‘mbracce

intrò dent’a ju studej d’ ju duttore

e désse: “S’è malate j’ ne le sacce,

ma è sicche e malcresciute. Chiste more!”

 

“Lu latte che ce daj, è naturale?”

dess’ju duttore ch’ere nu scienziate.

“È certe che ‘nci donghe artefeciale!

è fatt’ ju trumbettiére ‘ppena nate!”

 

“Spùjete sope, te denga vesetà.”

E ‘ncumenzò a tuccuàrla ‘mpiette e a ‘gnotte[2],

smuvènne e reggerènne a vuluntà

accome se ‘massàsse[3] dò pagnotte.

 

“Ccà nen ce sta lu latte, cara mia!”

dess’ju duttore cu nu fiate gruesse

“Pe forza nen ce sta, j’ so la zia!

Mprò ‘sta viseta me piace lu stesse!

[1] bambino

[2] ingoiare

[3] impastasse

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *