Terracina (LT) - 04019
info@mimmoderosa.it

“La vìseta” di Gianni Feliciani

“Fai come se tutto dipendesse da te, sapendo che tutto dipende da Dio”

“La vìseta” di Gianni Feliciani

La Cattedrale di Terracina

La vìseta

di Gianni Feliciani

 

‘Na segnora cu ‘na criatùra[1] ‘mbracce

intrò dent’a ju studej d’ ju duttore

e désse: “S’è malate j’ ne le sacce,

ma è sicche e malcresciute. Chiste more!”

 

“Lu latte che ce daj, è naturale?”

dess’ju duttore ch’ere nu scienziate.

“È certe che ‘nci donghe artefeciale!

è fatt’ ju trumbettiére ‘ppena nate!”

 

“Spùjete sope, te denga vesetà.”

E ‘ncumenzò a tuccuàrla ‘mpiette e a ‘gnotte[2],

smuvènne e reggerènne a vuluntà

accome se ‘massàsse[3] dò pagnotte.

 

“Ccà nen ce sta lu latte, cara mia!”

dess’ju duttore cu nu fiate gruesse

“Pe forza nen ce sta, j’ so la zia!

Mprò ‘sta viseta me piace lu stesse!

[1] bambino

[2] ingoiare

[3] impastasse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *