Terracina (LT) - 04019
info@mimmoderosa.it

“A Taracina jerta” di Gigi Nofi

“Fai come se tutto dipendesse da te, sapendo che tutto dipende da Dio”

“A Taracina jerta” di Gigi Nofi

Terracina alta

A Taracina jerta

di Gigi Nofi

 

Povera Vecchia mia, quanta pena

te dà ‘sta fijjulanza scellerata,

che se da prima t’era affezziunata,

mo tutta te turmenta, t’avvelena.

Te vo vedè perduta, suffucata,

de sotte a la miseria e la munnezza,

pe fa sparì pe sempe la bellezza

che ‘ncora t’è rumasta appeccecàta.

E pure prima, a ‘gnune ce piaceva

de staresènne sope Taracina;

e se scegneva abbasce a la marina,

ce steva poche: nen ce resesteva.

Mo tutte s’è cagnate e tanta gente,

che l’aria se vo dà d’esse segnore,

te va cuntrarie, e – fijje senza core –

de farte tantu male n’se ne pente.

E strilla, te jastèma, fa da pazze;

se vo spartì da te chè più n’ce piace

e pe lassarte sola e senza pace,

nen vo che te redanne ju Palazze.

Ma tu n’avè paura, Vecchia mia,

che chi te’ core an piette e sentemente,

an campe scegnarà da cumbattente,

pe vence o pe muri, pe l’alma tia.

 

Poesia scritta in occasione del – Referendum – indetto nel dicembre del 1948, per stabilire se la nuova Casa Comunale dovesse costruirsi a Terracina Alta, dov’era prima della guerra, oppure giù, alla Marina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *