Stampa di Terracina

Ju testamente de nu pìrchje

di Gianni Feliciani

Accom’ è pìrchje[1] Serviàne[2]!

Aju mercate ‘nz’accàtta[3] lu puane,

ma sule ‘na rusetta refatta!

Dò pére accà, nu burtegàlle allà,

‘na carciòfela, nu turze de ‘nzalàta,

dò melù[4], cacch’alecétta,

quatte zampe de caìna[5]:

è fernìta la spesa la matina!

 

Na lira ogge, na lira dumuàne,

quante quatrìne

è ‘ccuzzàte[6] Serviàne!

 

Mo che s’è fatte viecchie

e nen za più araggiunà,

j fije c’enne ditte: “Ohi pà!

Fa testamente!

 

‘Ncumènz’a scrive

e fa tre bastuncèlle!

“Servià!” – dice ju nutàre –

“Che tié le luccecantèlle[7]?”

 

Pò fenarménte scrive:

“J’ suttuscritte Serviàne,

frische de mente,

lasse case, vigne, quatrìne,

bòtte, buttéghe, magazzìne,

nu rellògge d’ore, catenìne,

j’anièje che tengh’a le mane,

Mbè! Lasse tutte a…

Serviane!

[1] tirchio, avaro

[2] Silviano

[3] compra

[4] pesce poco pregiato

[5] gallina

[6] accumulato lentamente

[7] lucciole

 

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *