Terracina (LT) - 04019
info@mimmoderosa.it

“Ju testamente de nu pìrchje” di Gianni Feliciani

“Fai come se tutto dipendesse da te, sapendo che tutto dipende da Dio”

“Ju testamente de nu pìrchje” di Gianni Feliciani

Stampa di Terracina

Ju testamente de nu pìrchje

di Gianni Feliciani

Accom’ è pìrchje[1] Serviàne[2]!

Aju mercate ‘nz’accàtta[3] lu puane,

ma sule ‘na rusetta refatta!

Dò pére accà, nu burtegàlle allà,

‘na carciòfela, nu turze de ‘nzalàta,

dò melù[4], cacch’alecétta,

quatte zampe de caìna[5]:

è fernìta la spesa la matina!

 

Na lira ogge, na lira dumuàne,

quante quatrìne

è ‘ccuzzàte[6] Serviàne!

 

Mo che s’è fatte viecchie

e nen za più araggiunà,

j fije c’enne ditte: “Ohi pà!

Fa testamente!

 

‘Ncumènz’a scrive

e fa tre bastuncèlle!

“Servià!” – dice ju nutàre –

“Che tié le luccecantèlle[7]?”

 

Pò fenarménte scrive:

“J’ suttuscritte Serviàne,

frische de mente,

lasse case, vigne, quatrìne,

bòtte, buttéghe, magazzìne,

nu rellògge d’ore, catenìne,

j’anièje che tengh’a le mane,

Mbè! Lasse tutte a…

Serviane!

[1] tirchio, avaro

[2] Silviano

[3] compra

[4] pesce poco pregiato

[5] gallina

[6] accumulato lentamente

[7] lucciole

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *