Pische Muntane

 di Gigi Nofi

 

È ‘na muntagna jerta e fatta a ponta

che te’ de sotte tantu bejju mare;

e sop’a la capoccia a vote appare

l’ombra de j’ome, come se racconta.

Se dice ch’a i tiempe de ‘na vota

nu bejje giuanòtte, forte e sane,

co nu cavajje bianche paisane,

se sprofunnàve abbasce senza lota!

‘ssu zumpe se faceva tutte j’anne

e se faceva a corre a chi mureva,

perché stu sacrefice, se sapeva,

purgava ju paiese da j’affanne…

Stu fatte pe ju munne è cammenate,

spegnute da lu viente de la storia

e c’è mettute accuéjje tanta gloria

che più de cacchedune c’è ‘mmediàte.

Ma je cavajje mo so muerte tutte

e nen ce sta nesciune che s’accide;

ognune magna beve canta e ride

e ju curagge an piette è comme strutte!…

Pora muntagna jerta e fatta a ponta,

che fina che si fatte cu ‘sta gente! . . .

Apprima te guardavene cuntiente

e mo si ‘na cosa morta che nen conta! . . .

 

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *