PARLA JU MACELLARE
Zazzícchie secche, su! Venete sotte,
so bone: grasse e magre e pezzechente,
che dànne guste e scàllene de dente,
più mejje de le fresche, appena cotte.
 
Ju puerche è state accise a mezzanotte,
’na settemana prima de j’Avvente;
e jèra de ‘na razza che la gente
pe j’assaggià c’è fatte pure a botte.
 
Su, forza! a chi l’accatta j’accuntente,
ce vojje fa vedé che so de core
e che je tratte come a nu parente.
 
Nu dite, quante costa? Cente lire!
E se stu prezze accà n’è de favore,
che Críste me mannàsse a ju Retire[1]


 [1] Cimitero


Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!!!