Quanne ju core mie

se fermarà pe’ sèmpe,

rapèrta la fenèsta[1]

‘na nùvela de sturne[2]

rasènte passarà;

e vularà chest’alma,

leggéra com’a véle,

a spasse pe’ju ciéle

jessa se ne jarà.

Me venaràj ‘ncòntre

anziem’a ‘ll’alme sante[3]

pijènneme la mana

come facìve allòre

quann’ere nu mammòcce

piagnùse e paurùse

che nen sapéa campà.

E tu me purtaràj

denant’ju Criatòre

ch’allargarà le vràccia[4]

e me perdunarà.

 


[1] Nel passato si credeva che l’anima dopo la morte, uscisse dalla finestra e volasse in cielo accompagnata da stormi di uccelli.

[2] Storni, famiglia di passeracei.

[3] Anime Sante.

[4] Braccia.


 

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!!!