Vucìne Piazza Santa Tumutìlla

ce steve ‘na porta trecent’anne fa,

chi l’è ittàta abbàsce nen ze sa,

ma c’ènne rumaste do’ lione

de guardia, une de’cca, iate de’llà.

 

Ere mammocce e tutte le matìne,

facènne la sallita cu’j campagne,

pe j’lla scola de Palazze Brasche,

‘zeccàsseme sop’a j’do’ lione,

ch’èsseme recacciàte[1] “cavajucce”[2].

 

Strellènne j vulésseme fa core!

Azzecca e scegne, più leste de le scigne,

lucedàsseme ju marme buene buene,

strufenènne le maje cu j cazzùne!

 

Pore lione, j séme cunsùmuàte!

J musse nen tènne più le vocche!

Enne sparìte uecchie, nase, recchie!

 

Uéje ‘nce stanne manche più j mammocce

che stullunquàte sop’a le creniére

tutte cuntiente jévene a sunnà!

 

E s’è cagnàta pure…  Taracina!

Chesta cettà d’j Volsce, Bezzantine,

de Galba, de Traiane, de Pio Seste,

sta’j pède de Pelàte, èssela’ssà!

 

Quanne spariscerànne ‘ste lione,

senza più storia, lengua, ceveltà,

pur’Jessa, j me le sente, murarà!

 


[1] Avevamo affibbiato il nomignolo

[2] Cavallucci


Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!!!