Gerava pe la chiesa da tre giorne,

tutta sturdita e co ju core afflitte,

e susperava come a n’acellitte

guardènnese cu pena, attorne attorne.

Era peccate, pora Felumèna!

Era peccate p’assaggià l’amore;

e mo vuleva che nu cunfessore

ce remettesse l’anema serena.

Ma come la vedeva j’arceprete,

cagnava via, pe nen darce retta,

e ‘nsieme a isse, come pe vendetta,

vuggiavene la faccia j’ate prete.

Allora iessa, stanca e scuraggiata,

penzò de truvà pace alla preghiera,

e sola se ne ieva, verze sera,

denanze alla Madonna Addulurata.

E se batteva an piette e se lagnava,

tremenne che pareva nu cunijje;

e mente se spennava de capijje,

cu l’alma vota an cele, supplecava:

— Madonna meia, santa e benedetta,

damme ‘na mana e lieveme sta spina!

Salva per caretà, dalla ruina,

sta pora peccatricia maledetta.

Tu sola pué purtarme, da luntane,

la bella lucia de la cumpassiona;

ma se te manca tiempe, mbè perdona,

me facce assolve da ju sagrestane.

 


Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!!!