Che fricceche me sente pe le vene

quande lu viente zoffia forte forte,

se sénte che sbattene le porte

e le féneste fanne catefiéne.

 

Se vede pe le vie la munnezza

che s’abbudina a circhie e zompa e vola,

e tanta gente perde la parola,

se sente anfreddulíte de trestezza.

E pure la canzona de lu viente

è piena de parole mesteriose

ch’appiccene de dente tante cose

e danne vita a mille sentemente.

 

J’ quante che lu viente se scatene

e strilla forte com’a n’addannate

me sente come fusse cunnulate

ammiezz’a la bammace e stonghe buene…

 

Se dice che chi more co lu viente

resta pe’ l’aria a fa’ la calandrella,

e che deventarà dapò ‘na stella

d’argente vive, fina e luccechente…

 

S’è vere che pur’i’ me murarài,

vurria muri nu giorne de bufera

pe deventà ‘na bella stella vera

e fà lu luste che nso fatte mai…

 


Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto!!!