Lengua nosta

di Gigi Nofi

La lengua nosta è meìje e ce scummette,

de tutte le parlate de ju munne,

chè senz’i’ smucenènne an funne an funne

se fa capì da sé. Mo tu vue’ mette

‘na bella frasa a la taracenese

co nu descurze, fatt’a ‘lline e quìne

da cacche prufessore fiurentine

o ca’ predecatore piemuntese?

 

Dimme quala parola nu tuscane

po’ di’ più bella de ju cuannatiejie

o se te po’ chiamà ju tumbanieije

cu ‘na parola! che la po’ ‘battane!

 

Ma che te si ‘mpazzite?! Noua sule

putémece avvantà de ‘sta parlata

ch’è tonna, tosta bella e ‘nzuccarata

e ‘ndonga va se fa capisce a vule…

Se ‘Ngicche dice a ‘Ntonie: cucuzzone,

masturze abbuzzacchiate e peparuéle

o razza screscetata de cetruéle

o piezze de camèle o cannarone

 

è chiare, giuste, vere e naturale

che ‘Ntonie te’ nu cuape d’alemàle.

 


da “Lengua nosta” di Gigi Nofi

Smucenènne:

da “Smucenà” – rovistare scompigliando. Frugare

Cuannatiejie:

cannatello. Piccola cannata. Recipiente di terracotta dai due-tre litri di capacità. Vi si portava la riserva d’acqua in campagna.

 Tumbanieije:

tamburello con sonagli per il saltarello.

 Masturze:

nasturzo o crescione: pianta di palude dai fiori gialli

 Abbuzzacchiàte:

gonfio, di cosa gonfia o di persona che si è ingrassata, adiposa

Peparuéle: peperone/i

 Screscetàta:

lievitazione sorpassata. Da decrescita.

Cetruéle:

Cetriolo.

 Camèle (cuamèle):

stupido, fessacchiotto, babbeo. Da cammello? Messo in uso forse dai reduci di Libia dopo la guerra Italo-Turca del 1917.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto!!